Test: scopri quanto sei maniaco della pulizia

Test: scopri quanto sei maniaco della pulizia

Sono solo a casa da tre giorni e intorno a me è tutto morte e distruzione.

È in questi momenti che riscopro il valore della pulizia e dell’ordine.

In questo modo sollecitato ho deciso di creare un questionario di auto aiuto per valutare quanto sono maniaco della pulizia.

Mi sembrava giusto condividerlo con voi.

maniaco della pulizia

Ecco una lista di 20 item indicanti altrettanti comportamenti. Conta in quanti di essi ti riconosci, sommali e ottieni il tuo punteggio.

#1 Quando stai fuori casa tutto il giorno porti sempre con te lo spazzolino da denti.

 

#2 Liberare lo scarico della doccia dal groviglio di capelli e schifo ti regala un piacere quasi erotico.

 

#3 Se una macchia di sugo ti colpisce è come se ti avessero sparato.

 

#4 Quando percepisci che le tue ascelle puzzano di sudore ti si sballano tutti i chakra.

 

#5 Dopo un viaggio in autobus o metropolitana devi fare una doccia e bruciare i vestiti.

 

#6 Usi il deodorante per le scarpe.

 

#7 Chi non pulisce il lavello dopo aver lavato i piatti dovrebbe essere giudicato dal tribunale di Norimberga.

 

#8 La prima cosa che pensi quando senti ronzare una mosca è la merda.

 

#9 Ti lavi le mani prima e dopo essere andato in bagno.

 

#10 Se dopo che hai passato il mocio la casa non profuma come la campagna di Aix-en-Provence, aggiungi detersivo e lo ripassi.

 

#11 Al bar non prendi mai le noccioline nella ciotolina sul bancone perché temi l’ira di Dio.

 

#12 Quando parli con quelle persone espansive che ti toccano ripeti nella tua testa un mantra induista per evitare di colpirle con un forte pugno.

 

#13 I bagni pubblici sono più contaminati dei laboratori della Umbrella Corporation.

 

#14 Un mobile coperto di polvere nella tua testa emette lo stesso grido acuto di un bambino in aereo.

 

#15 La macchie sullo specchio del bagno vanno eliminate con l’artiglieria pesante.

 

#16 I sottobicchieri vanno usati, non sono solo un souvenir del cazzo da portare a tua nonna quando torni da Parigi.

 

#17 Zeus benedica le porte automatiche che non ti obbligano a toccare quelle maniglie lerce.

 

#18 Amuchina prêt-à-porter.

 

#19 Animale domestico non significa animale divano.

 

#20 Quando arriveranno gli smartphone con il touch screen che non si sporca toccandolo sarà comunque troppo tardi.

0 item: Lavati. Ti prego.

Se tornasse la peste a Milano sapremmo localizzare con certezza il suo focolare.

Da 1 a 5 item: Sporco consapevole.

Magari per pigrizia, forse per disinteresse verso i rapporti umani, oppure semplicemente per una scelta di vita errata, a te pulirti non ti interessa.

Da 6 a 10 item: Sporco inconsapevole.

Ti svelo un segreto, le persone che ti incontrano per strada non ti fissano perché indossi una nuova t-shirt ironica, di quella non frega un cazzo a nessuno, ti squadrano perché cercano di capire da dove proviene il cattivo odore.

Da 11 a 15 item: Pulizia ragionevole.

Rappresenti quella porzione di popolazione che affronta la propria igiene e quella del luogo dove vive con mediocre maturità. Fai il giusto necessario per aderire ai canoni della cultura dominante.

Da 16 a 19 item: Kill the dirty.

Sei più pulito di quelle geishe giapponesi sulle quali puoi mangiare il sushi in certi ristoranti signorili.

Le hai tutte: Ossessivo compulsivo cleaning.

Tutti devono avere almeno una macchia sul proprio curriculum. Tranne i pazzi.

Francesco Boz

Un giorno, una persona entrerà nella tua vita e saprà capirti come nessun’altra prima di lei. Costerà circa 60 euro a seduta