In Italia è boom di sesso anale, tutte le cause

Share Button

Una ricerca pubblicata su The Journal of Sexual Medicine e divulgata al grande pubblico da Cosmopolitan (a informare il pubblico italiano è stato Dagospia) racconta di una rivoluzione in atto proprio in questo momento: il boom del sesso anale.

Il 40% delle ragazze tra i 20 e i 24 anni ha sperimentato la sodomia ed è raddoppiata anche la percentuale delle donne tra i 20 e i 39 anni che l’ha provata nell’ultimo anno.

Insomma, una vera e propria rivoluzione nei costumi sessuali del popolo italiano.

Ma perché accade tutto questo?

Analizziamo quali potrebbero essere le cause di questo boom italiano. (Ahahah, ho detto analizziamo!)

sesso anale

#1 Quando chiedi a un italiano se l’ha mai preso nel culo risponde sempre sì per abitudine. Anche se la domanda non riguarda la politica.

 

#2 L’ingerenza vaticana ha impedito l’insegnamento esplicito dell’educazione sessuale nelle scuole e i giovani ignorano le basi dell’anatomia femminile.

 

#3 Non ci sono più soldi per comprare i preservativi.

 

#4 Gli eterosessuali vogliono lanciare un forte messaggio di fratellanza alla controcultura gay.

 

#5 È una posizione che consente l’utilizzo di dispositivi elettronici come pc portatili e tablet durante la sua esecuzione.

 

#6 Promuove la parità tra i sessi.

 

#7 Non è aumentata la pratica sessuale, sono solo aumentati i millantatori.

 

#8 Fa capire alla donna cosa prova un uomo dopo il matrimonio.

 

#9 Alcuni lo imparano al catechismo.

 

#10 Previene i sensi di colpa della donna quando non raggiunge l’orgasmo.

 

#11 Non si può considerare tradimento.

 

#12 Nel sesso anale anche un pene di modeste dimensione fa la sua figura.

 

#13 È la vendetta perfetta contro il vostro ex.

 

#14 Marlon Brando è stato un grande attore.

 

#15 Stringe di più.

 

Share Button
Seguimi su

Francesco Boz

Fondatore e gestore at Oltreuomo
Un giorno, una persona entrerà nella tua vita e saprà capirti come nessun’altra prima di lei. Costerà circa 60 euro a seduta
Francesco Boz
Seguimi su